Coldiretti: stagione compromessa per maltempo di maggio e giugno, alcune aziende non faranno neppure partire le operazioni di raccolta delle olive

E’ allarme per l’olio in Lombardia. Più che dimezzata quest’anno la produzione, con cali che arrivano in alcuni casi fino al 90% rispetto alla scorsa annata, quando si erano registrati ottimi risultati. E’ quanto afferma la Coldiretti Lombardia in vista dell’avvio della raccolta delle olive dalle Alpi al Po, nel sottolineare che alcune aziende non faranno nemmeno partire le operazioni in campo.

“E’ un disastro – racconta Nadia Turelli, olivicoltrice dell’azienda agricola Leonardo di Sale Marasino, in provincia di Brescia – Per garantire gli alti standard qualitativi del nostro olio extra vergine d’oliva, dobbiamo raccogliere le olive e frangerle nello stesso giorno. Quest’anno però sono così poche quelle presenti sulle piante, che non sarà possibile rispettare le tempistiche di raccolta e lavorazione. Per questo non le raccoglieremo nemmeno”.

A pesare, spiega la Coldiretti Lombardia, sono state le basse temperature e le piogge eccessive dei mesi di maggio e giugno che hanno compromesso le fasi di fioritura e allegagione. A queste si sono sommate le grandinate estive che hanno colpito a macchia di leopardo, aggravando la situazione. “La stagione è compromessa – conferma Massimiliano Gaiatto, produttore lecchese – Per colpa delle bizze del tempo, ci ritroviamo con una produzione di olio decimata e noi produttori dovremo ricorrere alle scorte della scorsa annata per poter soddisfare le richieste”. Per far fronte alla situazione – precisa la Coldiretti Lombardia – l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi ha attivato e riunito il tavolo olio, per raccogliere i dati e valutare la richiesta al governo dello stato di calamità.

Per Confagricoltura è ora di rilanciare la produzione nazionale ed i consumi mondiali di olio di oliva

Mentre si prevede un calo mediamente del 9% della produzione di olio d’oliva in Europa e del 30% in Spagna, nel 2019 rispetto al 2018, in Italia si stima un raddoppio della produzione (da 175 mila tonn a 350 mila). Incrementi produttivi anche in Portogallo (+39%) e Grecia (+62%). I livelli altissimi delle scorte europee, con 850 mila tonnellate, hanno un impatto sui prezzi al ribasso che preoccupa gli operatori.

Lo pone in evidenza il report sul comparto olivicolo del Centro Studi di Confagricoltura, sulla base delle previsioni dell’Unione europea, presentate a Bruxelles.

Per l’Italia però è un risultato solo parzialmente soddisfacente – osserva Confagricoltura – dal momento che l’anno scorso la produzione era arrivata ai minimi storici del decennio ed anche ora è lontana dalle 540 mila tonn del 2008. La media produttiva degli ultimi quattro anni, confrontata con il quadriennio 2008-2011, mostra un calo di oltre il 37% e, in relazione al quadriennio 2012-2015, del 28%.

Il Centro Studi di Confagricoltura ha evidenziato come, nel 2018, l’Italia sia stata nel mondo il secondo Paese esportatore di olio d’oliva, dopo Spagna e davanti a Portogallo e Grecia. Principali mercati di sbocco dell’olio confezionato made in Italy sono Stati Uniti (che hanno un valore di 436 milioni di euro e rappresentano il 31,4% del totale dell’export italiano) e Germania (168 milioni di euro, pari al 12,1% del totale dell’export).

Il settore olivicolo – sottolinea Confagricoltura – sta affrontando una fase di significativi cambiamenti strutturali a livello mondiale e l’Italia, che ha una forte vocazione produttiva, non può restare arretrata.

“In questo quadro – commenta il presidente della Federazione olivicola nazionale di Confagricoltura, Pantaleo Greco – va evidenziata la situazione drammatica del Salento a causa della Xylella Fastidiosa. Per il 2019 il crollo della produzione di olio in provincia di Lecce si aggirerà attorno all’85%, rispetto agli anni precedenti. Le zone olivetate sono sempre più ridimensionate e solo le varietà, come il leccino che sembrerebbe tollerante, fanno sì che la produzione non sia azzerata del tutto. La sfida è proprio quella di frenare il crollo produttivo con nuovi impianti e con aiuti al reddito per tutta la filiera ormai allo stremo. Sollecitiamo l’emanazione dei decreti attuativi del decreto legge Emergenze ed in particolare i provvedimenti per l’utilizzo delle risorse previste dal Piano di rigenerazione dell’olivicoltura”.

“Per tutti gli operatori europei – prosegue il rappresentante di Confagricoltura – sarà importante favorire l’aumento del consumo globale di olio di oliva e sviluppare nuovi mercati, con l’aiuto di azioni promozionali per le quali si chiede alla Commissione UE un sostegno economico, anche alla luce delle questioni di politica internazionale in atto e dei dazi imposti dagli Stati Uniti.”.

“In generale per l’olivicoltura italiana ci sono nuove convenienze da cogliere sotto il profilo quantitativo e qualitativo – conclude Pantaleo Greco -. Vanno rinnovati gli impianti colturali con altri più produttivi e che si prestano alla meccanizzazione. E’ giunto il momento di trasformare le difficoltà in opportunità”.

 

TABELLE

 

Tabella 1 – Produzione di olio d’oliva nei Paesi Europei (x000 tonnellate)

*Stima Commissione Europea

Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura su dati Commissione Europea

Tabella 2 – Evoluzione della produzione di olio di oliva in Italia (x000 tonnellate)

 

*Stima Commissione Europea

Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura su dati Istat e ISMEA

 

Tabella 3 – Principali Paesi del Mondo importatori di olio di oliva dall’Italia nel 2018 (valore in milioni di euro – % su totale importazioni di olio d’oliva)

Fonte: elaborazione Centro Studi Confagricoltura su dati Istat

23994_olidisicilia_56

Nell’ambito della 42^ edizione della FAM – Fiera Agricola Mediterranea, SVI.MED onlus e il Consorzio DOP MONTIBLEI organizzano una conferenza dal titolo: “Olivicoltura di qualità – l’olio DOP e biologico”, con il patrocinio del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania.

2491_agenda_fam_16

il Consorzio Monti Iblei ad Expo

 

Si è appena conclusa la settimana del Consorzio ad Expo, ecco un video che la racconta

Il consorzio Monti iblei vi da appuntamento a Settembre all’Expo Milano 2015

 

Il consorzio Monti Iblei con il suo Olio DOP sarà presente a Milano a Settembre per una settimana all’Esposizione Universale sull’alimentazione e la nutrizione.
Partecipare al Cluster Bio-Mediterraneo sarà un momento importante di promozione e valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva Dop Monti Iblei, sia come alimento basilare della Dieta Mediterranea sia come prodotto unico della biodiversità siciliana. Significa, inoltre, avvicinare il grande pubblico al territorio di origine, alla sua storia e alle sue tradizioni. Vi aspettiamo!